Emorroidi Prolassate: cosa sono e quali sono i Rimedi

Emorroidi Prolassate: cosa sono e quali sono i Rimedi

Scopri la cura definitiva per le Emorroidi! Sollievo dal dolore garantito in 48 ore!

Indice
  1. Cosa fare per attenuare i fastidi delle emorroidi prolassate?
  2. Quale intervento fare in caso di emorroidi prolassate?

Emorroidi Prolassate: cosa sono e quali sono i RimediLe emorroidi rappresentano anatomiche formazione di venosa che si trova nel nostro corpo, e più, precisamente nel canale anale, e che sono composti come di cuscinetti formati da tessuto elastico e muscolare. Essi, quindi, non rappresentano patologica, istruzione, al contrario, sono molto utili per il nostro organismo in quanto favorisce la circolazione del sangue nella zona del retto e servono per mantenere la continenza di feci, gas e liquidi e di prevenzione delle perdite anale.

Solo quando, differenti cause, vi sia una infiammazione e l’aumento di tali cuscinetti, siamo di fronte a una situazione patologica e si parla in questo caso di patologia emorroidale.

La patologia emorroidale può essere di diversi tipi, uno di essi è rappresentato emorroidi prolassate. In alcuni casi, tuttavia, le emorroidi diventano prolassate, cioè la mucosa anale rimane costantemente verso l’esterno.

Si può, nei casi meno gravi, in grado anche non di controllo manuale, operato di un medico di fiducia da soli, a reintrodurre in loco l’emorroide, spingendola all’interno.

Scopri la cura definitiva per le Emorroidi! Sollievo dal dolore garantito in 48 ore!

Le emorroidi in modo permanente prolassate, infatti, necessitano di un intervento chirurgico per essere rimesse nella loro corretta posizione. Se il prolasso, è presente anche un coagulo di sangue, il medico può intervenire con incisioni per cercare di sgonfiare le emorroidi stesso.

COSA FARE PER ATTENUARE i FASTIDI le EMORROIDI PROLASSATE?

Spesso le emorroidi prolassate causano dolore molto intenso, soprattutto nella fase di evacuazione. In tali casi si può intervenire i cosiddetti rimedi fai da te per cercare di limitare il dolore.

Tra questi lo strumento dal freddo risulta essere il più efficace, in quanto provoca un effetto anestetizzante sulla zona. E basta prendere dal frigorifero di casa di ghiaccio, avvolgerla in un panno e mettetelo su un area di dolore.

In alternativa il tessuto sul ghiaccio, si può usare un guanto di quelli reperibili in farmacia, e riempirlo con acqua. E poi ha chiuso il nodo e lasciato per qualche ora in freezer. Quando è completamente congelato, le dita possono essere “rotto” dal resto guanti e posizionare in una zona dove si trova emorroidi.

LE OPERAZIONI DA FARE IN CASO DI EMORROIDI PROLASSATE?

scelta ovviamente dipende dal medico che ti cura. E’ molto probabile, tuttavia, che ha deciso di lavorare con il Metodo Longo. Questo metodo, come si evince già dal nome, l’ha inventato un italiano, chirurgo, che può ridurre significativamente il dolore dopo l’intervento e soprattutto i tempi di guarigione. Dopo l’intervento, inoltre, è necessario rimanere in ospedale fino a quando il sole 48 ore.